Indicatori di sostenibilità

214
gCO2eq/kWh
EMISSIONI DIRETTE DI GAS SERRA - SCOPE 1 - SPECIFICHE
20.4
mln m3
CONSUMO DI ACQUA TOTALE
63.4
%
GENERAZIONE A ZERO EMISSIONI
15,616
milioni
EBITDA ORDINARIO PER PRODOTTI, SERVIZI E TECNOLOGIA LOW CARBON
9,575
milioni
CAPEX PER PRODOTTI, SERVIZI E TECNOLOGIA LOW CARBON

Principali indicatori legati al cambiamento climatico

    2020 2019 2020-2019
Emissioni dirette di gas serra - Scope 1(1) (mln teq) 45,26 69,98 (24,72) -35,3%
Emissioni indirette di gas serra - Scope 2 - Acquisto di energia dalla rete (location based) (mln teq) 1,43 1,55 (0,12) -7,7%
Emissioni indirette di gas serra - Scope 2 - Acquisto di energia dalla rete (market based) (mln teq) 2,28 2,30 (0,02) -0,9%
Emissioni indirette di gas serra - Scope 2 - Perdite della rete di distribuzione (location based) (mln teq) 3,56 3,82 (0,26) -6,8%
Emissioni indirette di gas serra - Scope 2 - Perdite della rete di distribuzione (market based) (mln teq) 5,57 6,00 (0,43) -7,2%
Emissioni indirette di gas serra - Scope 3 (mln teq) 47,70 56,92 (9,22) -16,2%
- di cui emissioni relative a vendite di gas (mln teq) 21,48 23,92 (2,44) -10,2%
Emissioni dirette di gas serra - Scope 1 - specifiche (gCO2eq/kWh) 214 298 (84) -28,2%
Emissioni specifiche SO2  (g/kWh) 0,10 0,59 (0,49) -83,1%
Emissioni specifiche NOx (g/kWh) 0,36 0,60 (0,24) -40,0%
Emissioni specifiche Polveri (g/kWh) 0,01 0,12 (0,11) -91,7%
Incidenza generazione a zero emissioni sul totale (%) 63,4 54,9 8,5 15,5%
Totale consumi diretti di combustibile (Mtep) 23,9 30,1 (6,2) -20,6%
Rendimento medio parco termoelettrico (2) (%) 44,2 42,0 2,2 5,2%
Prelievo di acqua in zone water stressed (3) (%) 22,9 25,4 (2,5) -9,8%
Prelievo specifico di acqua per produzione complessiva (4) (l/kWh) 0,20 0,33 (0,13) -39,4%
Prezzo di riferimento della CO2 (€) 24,72 24,8 (0,1) -0,3%
EBITDA ordinario per prodotti, servizi e tecnologia low carbon (5) (milioni di euro) 15.616 16.241 (625,0) -3,8%
Capex per prodotti, servizi e tecnologia low carbon (milioni di euro) 9.575 9.131 444,0 4,9%
Incidenza Capex per prodotti, servizi e tecnologie low carbon sul totale (%) 94,0 92,0 2,0 2,2%

(1) Le emissioni specifiche sono calcolate considerando il totale delle emissioni da produzione termoelettrica rapportato al totale della produzione rinnovabile, nucleare e termoelettrica (compreso il contributo del calore).
(2) Il calcolo non considera gli impianti O&G italiani in fase di dismissione/marginali. Inoltre, i valori non tengono in considerazione il consumo e la generazione per la cogenerazione relativa al parco termoelettrico russo. Il valore medio di rendimento è calcolato sugli impianti del parco ed è pesato sui valori di produzione.
(3) Il dato del 2019 è stato ricalcolato sulla base della modifica del perimetro degli impianti in zone water stressed.
(4) ll prelievo specifico è costituito da tutte le quote di prelievi di acqua da fonti superficiali (comprese le acque piovane recuperate), sotterranee, da terze parti, di mare e da reflui (quota relativa agli approvvigionamenti da terze parti) utilizzate per processo e per raffreddamento in ciclo chiuso, tranne la quota di acqua di mare rigettata in mare dopo il processo di desalinizzazione (salamoia).
(5) Il dato comparativo del 2019 è stato adeguato per tener conto del fatto che in Sud America e Messico i valori afferenti ai grandi clienti gestiti dalle società di generazione sono stati riattribuiti alla Linea di Business Mercati finali.

Lambizione del Gruppo alla leadership nella lotta al cambiamento climatico si è ulteriormente rafforzata nel 2020: lobiettivo di riduzione delle emissioni dirette per il 2020, fissato nel 2015 a 350 geq/kWh di CO2, con una riduzione del 25% rispetto al valore del 2007, era stato già raggiunto nel 2018 con due anni di anticipo. Il 2020 si è chiuso con una riduzione del 40% delle emissioni specifiche da produzione termoelettrica rispetto allanno base 2007. Nel 2020 le emissioni dirette di CO2 equivalente (Scope 1) sono pari a 45,26 milioni di tonnellate equivalenti registrando una diminuzione del 35,3% rispetto al 2019. Tale riduzione, come detto precedentemente, è dovuta a una minore produzione termoelettrica, attribuibile essenzialmente a una forte riduzione della generazione da impianti a carbone per lassenza nellanno del contributo della centrale di Reftinskaya uscita dal perimetro per vendita nel 2019 e la concomitante diminuzione dellattività a carbone in Italia, Spagna e Cile per laccelerazione del processo di transizione energetica. Inoltre, anche la generazione dagli altri impianti a più elevate emissioni ha subíto una riduzione a vantaggio di quella da fonte rinnovabile.
L’energia prodotta da Enel nel 2020 da fonti a emissioni zero si attesta al 63,4% della produzione totale, in significativo aumento rispetto al 2019 (pari al 54,9%) per lincremento dellapporto da fonte solare ed eolica.
A causa della contrazione della produzione da carbone, SO2
e Polveri registrano un andamento fortemente decrescente, pari rispettivamente a -83,1% e -91,7% rispetto al 2019. Anche le emissioni di NOx riportano un valore in diminuzione pari a -40% dovuto alla minore produzione termoelettrica.

Gestione responsabile della risorsa idrica

    2020 2019 2020-2019
Totale prelievi  (mln m3) 51,5 77,3 (25,8) -33,4%
Prelievo di acqua in zone water stressed (1) (%) 22,9 25,4 (2,5) -9,8%
Prelievo specifico di acqua per produzione complessiva (2)  (l/kWh) 0,20 0,33 (0,13) -39,4%
Consumo di acqua totale  (mln m3) 20,4 58,1 (37,7) -64,9%
Consumo di acqua in zone water stressed (%) 31,6 23,7 7,9 33,3%

(1) Il dato del 2019 è stato ricalcolato sulla base della modifica del perimetro degli impianti in zone water stressed.
(2) ll prelievo specifico è costituito da tutte le quote di prelievi di acqua da fonti superficiali (comprese le acque piovane recuperate), sotterranee, da terze parti, di mare e da reflui (quota relativa agli approvvigionamenti da terze parti) utilizzate per processo e per raffreddamento in ciclo chiuso, tranne la quota di acqua di mare rigettata in mare dopo il processo di desalinizzazione (salamoia).

Lacqua rappresenta un elemento essenziale per la produzione elettrica, pertanto Enel considera la disponibilità di questa risorsa quale fattore critico negli scenari energetici futuri.
Enel effettua il costante monitoraggio di tutti i siti di produzione che si trovano in zone a rischio di scarsità idrica (aree water
stressed) al fine di garantire la più efficiente gestione della risorsa.
Il monitoraggio dei siti avviene attraverso i seguenti livelli di analisi:

  • mappatura dei siti di produzione ricadenti in aree water stressed individuate con riferimento alle condizioni di “baseline water stress” indicate dal World Resources Institute nell’“Aqueduct Water Risk Atlas”;
  • individuazione dei siti di produzione “critici”, ossia di quelli ubicati in aree water stressed e in cui si effettua approvvigionamento di acqua dolce per esigenze di processo;
  • verifica delle modalità di gestione della risorsa idrica adottate in questi impianti, al fine di minimizzare i consumi e massimizzare i prelievi da fonti di minor pregio o non scarse (acque reflue, industriali e di mare).

Circa l’11% del totale dell’energia prodotta dal Gruppo Enel ha utilizzato acqua dolce in zone water stressed. Nel 2020 il prelievo complessivo di acqua è stato pari a 51,5 milioni di metri cubi, il 33,4% in meno rispetto al 2019, a causa della minore produzione termoelettrica rispetto all’anno precedente. Il prelievo specifico di acqua del 2020 è stato pari a circa 0,20 l/kWh, inferiore del 39,4% rispetto al 2019.

Tutela della biodiversità

La tutela della biodiversità è uno degli obiettivi strategici della politica ambientale di Enel. Nei diversi territori in cui il Gruppo è presente vengono promossi specifici progetti allo scopo di contribuire alla salvaguardia degli ecosistemi, delle specie e dei relativi habitat. I progetti comprendono una vasta gamma di interventi: inventari e monitoraggi, programmi di tutela specifici per la conservazione di particolari specie a rischio di estinzione, studi e ricerche metodologiche, ripopolamenti e reimpianti, realizzazione di supporti infrastrutturali per favorire la presenza e il movimento delle specie (per es., nidi artificiali nelle linee di distribuzione per l’avifauna, scale di risalita presso gli impianti idroelettrici per la fauna ittica), programmi di restaurazione ecologica e riforestazioni.
Nel 2020 sono stati attivi 187 progetti per la tutela delle specie e degli habitat naturali, per una superficie interessata dal recupero di habitat di 4.479 ettari.

Distribuzione e accesso all’energia elettrica, ecosistemi e piattaforme

L’energia trasportata sulla rete di distribuzione di Enel nel 2020 è pari a 484,6 TWh, in diminuzione di 23,1 TWh (-4,5%) rispetto al valore nel 2019 registrata essenzialmente in Italia (-14,5 TWh), in Brasile (-3,4 TWh) e in Spagna (-2,0 TWh).
Il numero degli utenti finali di Enel con smart meter attivi registra nel 2020 un incremento di 471.198 principalmente in Spagna (+211.228) e Romania (+288.859).

L’energia venduta da Enel nel 2020 è pari a 298,2 TWh e registra un decremento di 23,8 TWh (-7,4%) rispetto all’esercizio precedente. Si rilevano minori quantità vendute in particolare in Italia (-7,3 TWh), Spagna (-8,7 TWh), America Latina (-6,9 TWh,) principalmente in Brasile (-2,7 TWh), e Romania (-0,9 TWh). Inoltre, il gas venduto nel 2020 è pari a 9,7 miliardi di metri cubi, in diminuzione di 1,1 miliardi di metri cubi rispetto all’esercizio precedente

La leadership di unazienda come Enel passa necessariamente attraverso la cura del cliente e lattenzione per un servizio di qualità: aspetti che non si riferiscono soltanto alla fornitura di energia elettrica e/o gas naturale, ma anche e soprattutto agli aspetti intangibili del servizio relativi alla percezione e alla soddisfazione del cliente.
Attraverso i prodotti di fornitura rivolti sia al mercato residenziale sia a quello business,
Enel propone offerte dedicate che garantiscono un minor impatto ambientale e unattenzione verso le fasce più vulnerabili. In tutti i Paesi in cui il Gruppo opera, infatti, vi sono forme di sostegno (spesso legate a iniziative statali) che agevolano alcune fasce della popolazione nel pagamento dei costi dellelettricità e del gas, così da consentire un accesso paritario allenergia.
Sono numerosi i processi che Enel ha definito per garantire con continuità un servizio di qualità ai clienti. In Italia
vengono svolti monitoraggi sistematici sui processi di vendita e gestionali per garantire la qualità commerciale di tutti i canali di contatto (servizio clienti telefonico, negozi e Punti Enel, bollette, app, email, social media, account manager, fax).
L’obiettivo è assicurare la conformità alle prescrizioni nel rispetto della normativa vigente, della privacy e delle norme a tutela della libertà e dignità dei lavoratori.

Enel prosegue inoltre il suo impegno per una sempre maggiore digitalizzazione, diffusione della fatturazione elettronica e sviluppo di nuovi servizi. Con Enel X, Enel offre soluzioni innovative per i clienti residenziali (smart home, domotica, solare, caldaie, servizi di manutenzione, illuminazione ecc.), per la Pubblica Amministrazione (illuminazione pubblica, servizi di monitoraggio per le smart city, servizi di sicurezza ecc.), per i grandi clienti (demand response, consulenza ed efficienza energetica), e promuove la mobilità elettrica attraverso lo sviluppo di infrastrutture di ricarica pubbliche e private.
I punti di ricarica di Enel nel 2020 sono in crescita rispetto al 2019 di 25.672 unità. I punti di ricarica realizzati a privati registrano un incremento di 21.033 unità prevalentemente in Nord America e in Italia, mentre i punti di ricarica pubblici sono incrementati di 4.639 unità principalmente in Italia e in Spagna.