4 . Argentina - Economia iperinflazionata: impatti per l’applicazione dello IAS 29

A partire dal 1° luglio 2018 l’economia argentina è considerata iperinflazionata in base ai criteri stabiliti dallo “IAS 29 - Rendicontazione contabile in economie iperinflazionate”. Ciò a seguito della valutazione di una serie di elementi qualitativi e quantitativi, tra i quali la presenza di un tasso di inflazione cumulato maggiore del 100% nell’arco dei tre anni precedenti.Ai fini della predisposizione del presente Bilancio consolidato al 31 dicembre 2020 e in accordo con quanto disposto dallo IAS 29, talune voci delle situazioni patrimoniali delle società partecipate in Argentina sono state rimisurate applicando l’indice generale dei prezzi al consumo ai dati storici, al fine di riflettere le modifiche al potere di acquisto del peso argentino alla data di chiusura dei bilanci delle stesse.
Tenendo presente che il Gruppo Enel ha acquisito il controllo delle società argentine il 25 giugno 2009, la rimisurazione dei dati patrimoniali non monetari dei bilanci di tali società è stata effettuata applicando gli indici di inflazione a partire da tale data. Gli effetti contabili di tale adeguamento, oltre a essere già riflessi nella situazione patrimoniale di apertura, recepiscono le variazioni del periodo. In particolare, l’effetto relativo alla rimisurazione delle attività e passività non monetarie, delle poste di patrimonio netto, nonché delle componenti di Conto economico rilevate nel 2020 è stato rilevato in contropartita di una apposita voce di Conto economico tra i proventi e oneri finanziari. Il relativo effetto fiscale è stato rilevato tra le imposte del periodo.

Per tener poi conto dell’impatto dell’iperinflazione anche sul corso monetario della valuta locale, i saldi dei Conti economici espressi in valuta iperinflazionata sono stati convertiti nella valuta di presentazione del Gruppo applicando, come prevede lo IAS 21, il tasso di cambio finale anziché quello medio del periodo con la finalità di riportare tali ammontari ai valori correnti.

Di seguito si riportano i livelli cumulati degli indici generali dei prezzi al consumo rispettivamente alla data del 31 dicembre 2018, del 31 dicembre 2019 e del 31 dicembre 2020.

Periodi Indici generali dei prezzi al consumo cumulati
Dal 1° luglio 2009 al 31 dicembre 2018 346,30%
Dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2019 54,46%
Dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020 35,41%

Nel 2020 l’applicazione dello IAS 29 ha comportato la rilevazione di un provento finanziario netto (al lordo delle imposte) pari a 57 milioni di euro.

Di seguito si riportano gli effetti dello IAS 29 sullo Stato patrimoniale al 31 dicembre 2020 e gli impatti dell’iperinflazione sulle principali voci di Conto economico del 2020, differenziando quanto afferente alla rivalutazione in base agli indici generali dei prezzi al consumo e quanto afferente all’applicazione del tasso di cambio finale anziché del tasso di cambio medio del periodo, per quanto previsto dallo IAS 21 per economie iperinflazionate.

Milioni di euro        
  Effetto iperinflazione cumulato al 31.12.2019 Effetto iperinflazione del periodo Differenza cambio Effetto iperinflazione cumulato al 31.12.2020
Totale attività 857 313 (208) 962
Totale passività 164 86 (58) 192
Patrimonio netto 693 227(1) (150) 770

(1) Il dato include il risultato netto dell’esercizio pari a 25 milioni di euro.

Milioni di euro      
  Effetto IAS 29 Effetto IAS 21 Totale effetto
Ricavi 119 (199) (80)
Costi 169(1) (177)(2) (8)
Risultato operativo (50) (22) (72)
Proventi/(Oneri) finanziari netti (4) (4) (8)
Proventi/(Oneri) netti da iperinflazione 57 - 57
Risultato prima delle imposte 3 (26) (23)
Imposte 28 (3) 25
Risultato netto dellesercizio (Gruppo e terzi) (25) (23) (48)
Quota di interessenza del Gruppo - (10) (10)
Quota di interessenza di terzi (25) (13) (38)

(1) Il dato include l’effetto su ammortamenti e impairment per 49 milioni di euro.
(2) Il dato include l’effetto su ammortamenti e impairment per (18) milioni di euro.